10.06.2015 16:32

Carpi: Bonacini "Giuntoli al Napoli? E' ancora il nostro ds"

"A oggi Giuntoli e' ancora il direttore sportivo del Carpi, abbiamo un rapporto fantastico con lui, stiamo insieme da sei anni e vedremo nei prossimi giorni il da farsi. Con Giuntoli c'e' un rapporto non solo professionale ma di amicizia fraterna, mi ha dato tanto".

Cosi' il presidente del Carpi, Stefano Bonacini, ai microfoni di Radio Crc e sul futuro del suo direttore sportivo il cui nome e' stato accostato al Napoli di De Laurentiis, alla ricerca di un ds dopo il divorzio con Bigon.

"Non abbiamo intenzione di stravolgere l'assetto attuale della societa', continuiamo con la stessa filosofia, la serie A e' un gradino molto difficile e importante ma con la stessa lungimiranza e serenita' che ci ha portato fino a qui continueremo ad andare avanti tenendo i piedi per terra. Stiamo gia' lavorando per mettere a punto la squadra - ha proseguito Bonacini -. Davanti ai nostri successi non posso che parlare bene di Cristiano, la nostra societa' nel 2009 era in Eccellenza, ora siamo in serie A, non credo ci siano altri club che hanno fatto una galoppata come la nostra. Vinsi un campionato d'Eccellenza, poi incontrai Giuntoli che curava il settore giovanile non ricordo di quale squadra e gli ho dato fiducia quando non aveva mai fatto il direttore sportivo, da li e' iniziata la nostra storia".

Il Napoli corteggia il ds e Bonacini dice: "non voglio parlare di soldi e di penali per quanto riguarda il contratto di Giuntoli, non c'e' nessun comunicato e nessun tipo di situazione al momento. La cosa importante e' il rispetto per le persone. Non so se venerdi' sara' il giorno giusto per annunciare Giuntoli a Napoli, al momento Cristiano e' il direttore sportivo del Carpi".

Per il Carpi sara' il primo storico campionato di Serie A. "La nostra e' una piccola realta', non bisogna mai mostrare quello che non si e' - spiega il presidente Bonacini -. Siamo dei provinciali e siamo anche fieri di esserlo perche' magari e' un valore aggiunto, non possiamo competere con squadre come il Napoli, la nostra corsa la facciamo su altre situazioni. Probabilmente troveremo delle difficolta' perche' non abbiamo mai disputato un campionato cosi' difficile, affrontiamo la situazione con tranquillita' e se ci salveremo saremo tutti contenti, se falliremo avremo fatto un'esperienza".

Capitolo mercato. "Su Mbakogu ci sono molti interessi ma non ci sono club che hanno tanti soldi, noi conosciamo il valore del ragazzo ed e' una pedina importante per il prossimo anno e si muovera' solo se ci sara' una offerta adeguata alle nostre richieste. Non ho sentito De Laurentiis e nessuno mi ha chiesto Mbakogu. Vorrei facesse la differenza in serie A e cercheremo di fare il possibile per trattenerlo". Ultima battuta sullo stadio che ospitera' le gare del Carpi: "non so dove giocheremo le partite casalinghe quest'anno, a Parma o a Modena".

(ITALPRESS)