08.07.2015 16:19

Barreto"Seguivo Doria da bambino,far bene in Europa"

"Da piccolo in Paraguay guardavo la serie A, erano i tempi della Sampdoria di Mancini e di altri giocatori importanti, avevo gia' una certa simpatia per la Sampdoria e sono stato molto felice quando la societa' ha mostrato interesse nei miei confronti". Edgar Barreto rivela le sue vecchie simpatie blucerchiate in un'intervista rilasciata alla tv ufficiale del club.

Il paraguaiano e' uno dei nuovi arrivi nello spogliatoio doriano, la Samp lo ha ingaggiato a parametro zero dal Palermo e quella ligure e' la quarta avventura italiana del centrocampista di Asuncion, classe 1984, dopo quelle con Reggina, Atalanta e Palermo. "Ormai mi conoscete, sono un giocatore che da' tanta quantita' e anche una discreta qualita', cercando di dare sempre il mio contributo per la squadra in qualsiasi ruolo. Qui ci sono giocatori importanti, che fanno la differenza, io mi metto a disposizione dello staff e dei miei compagni con l'obiettivo di dare il mio contributo. Con Iachini a Palermo calciavo spesso corner e punizioni, ho un discreto tiro, faccio qualche gol durante l'anno, raramente finisco a secco, anche se non sono un mediano che segna tanto, pero' chissa', quest'anno spero di fare il mio record personale.

Qui ho trovato un gruppo molto unito che mi ha subito fatto sentire a mio agio. Nelle altre squadre sono sempre stato un punto di riferimento, soprattutto per i piu' giovani, ma in generale sono sempre riuscito a farmi volere bene. Con Viviano ho gia' giocato quando ero al Palermo, ma sono in Italia da anni e quindi conoscevo un po' tutti".

Con Zenga due sedute al giorno e tanto lavoro. "Il mister ci ha subito trasmesso grinta e voglia di fare, dobbiamo seguirlo alla lettera perche' puo' darci input importanti che ci possono servire durante la stagione, dietro di lui c'e' uno staff molto capace che ha le idee chiare su come impostare fase difensiva e offensiva", spiega Barreto gia' concentrato sull'Europa League.

"Stiamo lavorando per farci trovare pronti, vogliamo far bene e iniziare al meglio la stagione per poi fare un grande campionato. L'Europa e' una vetrina importante, non vogliamo fare brutte figure, ci teniamo tanto noi giocatori e anche i nostri tifosi. La Sampdoria merita di stare in certi palcocenici, quindi vogliamo far bene su tutti i fronti, anche in Coppa Italia, oltre che in Europa". A proposito di tifosi, Barreto sa che cosa lo aspetta. "So che per gli avversari non e' facile giocare al Ferraris, si sente il sostegno della gente, ho giocato tante volte a Marassi e so cosa possono dare i tifosi, nell'ultima stagione sono stati veramente il 12esimo uomo in campo".

(ITALPRESS)