29.06.2015 18:22

Samp: Pellegrinaggio e ritiro,Barreto"Europa grande stimolo"

Dopo due giorni di visite mediche e test atletici, la Sampdoria domani dara' vita ad un ritrovo un po' speciale: tutti alla Madonna della Guardia, santuario sulle alture della citta' di Genova, dove il presidente Massimo Ferrero, il tecnico Walter Zenga e i giocatori si recheranno in pellegrinaggio prima di iniziare ufficialmente la nuova stagione calcistica.

Subito dopo la messa e il pranzo, la squadra partira' per il ritiro di Ponte di Legno, tappa iniziale della preparazione prima di spostarsi a Pinzolo, in vista del preliminare di Europa League in programma il 30 luglio.

Mercoledi' tutti in campo, per lo start ufficiale, con la prima partitella programmata per la giornata di domenica (alle ore 17.30 sul campo sportivo di Tamu'). Oggi invece sono continuate le visite mediche, con i nuovi acquisti che hanno sfilato al Laboratorio Albaro di Genova per i consueti test. Tra i primi ad arrivare Mattia Cassani, che dopo il fallimento del Parma torna a Genova, sponda Samp, dopo 12 anni: "Arrivai ad inizio carriera, nell'anno della Serie B ottenendo la promozione con Novellino in panchina e ora con questo ritorno si chiude il cerchio. Derby con Gasperini (suo allenatore nella Primavera della Juventus, ndr)? Il derby non va parlato, ma giocato e possibilmente vinto".

Tra i colpi del mercato blucerchiato c'e' invece Edgar Barreto, il cui accordo era gia' stato perfezionato a gennaio, visto che anche l'ex capitano rosanero ha lasciato il Palermo da svincolato.

L'operazione, nella precedente sessione di mercato, fece anche infuriare il patron Maurizio Zamparini che per settimane continuo' a lanciare frecciate al numero uno della Samp Massimo Ferrero: "La lite tra Zamparini e Ferrero - ha detto Barreto - e' una cosa che succede, ho cercato di starne fuori e ora penso solo alla nuova avventura doriana. Devo dir grazie a Palermo e ai suoi tifosi, devo tanto a loro, mi spiace che la storia sia finita cosi' cosi', ma questo e' un po' il nostro mestiere. Spero di riuscire a ripagare sul campo la fiducia che ha riposto in me Zenga e di essere all'altezza. La Sampdoria e' una squadra di valore, con calciatori di livello. L'Europa e' un grande stimolo, e' una competizione che tutti vogliono giocare. Provero' a dare il mio contributo alla Sampdoria e ad essere d'esempio per i piu' giovani".

Altro piccolo grande colpo, anche in questo caso messo a segno con largo anticipo dal direttore sportivo Carlo Osti, quello di Federico Bonazzoli, attaccante classe '97, prelevato dall'Inter: "la Sampdoria rappresenta una nuova fase della mia carriera, arrivo in un grande team che punta sempre a valorizzare i talenti piu' giovani e spero che per me possa essere la giusta vetrina". Poi e' stata anche la volta di Niklas Moisander. Il difensore ex Ajax e Az Alkmaar punta all'Europa League: "sono molto felice di essere qui, ho scelto la Sampdoria perche' un club ambizioso con un presidente ambizioso, spero di andare avanti in Europa League perche' giocare le coppe e' sempre importante".

E intanto il mercato blucerchiato prosegue a ritmo spedito. Nelle prossime ore sara' chiusa anche l'operazione per il centrocampista dello Shakhtar Donetsk Fernando. Oggi a dire addio al suo giocatore e' stato il tecnico Mircea Lucescu: "Siamo pronti a dire addio a Fernando e lo ringraziamo per tutto quello che ha fatto per noi". Parole al miele anche dal presidente Massimo Ferrero per l'ex blucerchiato Samuel Eto'o, ceduto in Turchia all'Antalyaspor: "Arrivederci grande uomo, abbiamo assecondato il tuo volere: tra signori del calcio non e' difficile capirsi, basta una stretta di mano. E' stato un piacere e un onore averti con noi, vederti in campo con la maglia piu' bella del mondo e ora, sinceramente, ti auguriamo il meglio per il prosieguo della tua illuminante carriera. Ricorda che per i fuoriclasse come te le porte della mia Sampdoria sono sempre aperte".

(ITALPRESS)