19.06.2015 18:37

Juve: Allegri si gode Mandzukic e Pogba

Una Juve con Mandzukic e Pogba, senza Tevez, con Pirlo ancora in forse aspettando ancora un altro colpo, magari un'ala. Ma soprattutto sara' una Juventus ancora affamata. Massimiliano Allegri si gode un po' di vacanza ma guarda gia' alla prossima stagione.

"Abbiamo fatto un'annata importante, ci e' mancato un pezzettino per completare l'opera vincendo la Champions ma e' stata una bella Champions, una bella finale, da anni non era cosi' combattuta - rivendica con orgoglio ai microfoni di Sky Sport - Nel momento decisivo chi faceva gol vinceva, purtroppo hanno segnato loro e hanno vinto. Potevamo essere attenti sulla prima rete, potevamo difendere meglio, ma la squadra ha fatto veramente una bella partita. Gli episodi nel secondo tempo ci hanno un po' penalizzato, come e' vero che e' stato bravo Buffon nel primo dove loro potevano fare il 2-0". La societa' ha ufficializzato gli arrivi di Dybala e Khedira, quello di Mandzukic lo conferma lo stesso tecnico ("e' un giocatore che ha fatto gol in tutti i campionati dove ha giocato, e' un giocatore caratteriale, di livello internazionale e che in Italia fara' molto bene. Volevamo lui, e' un grande giocatore e sono molto contento"), ci sara' anche Zaza e poi ancora qualcuno. "Un'ala per il 4-3-3? L'ultimo giocatore dipendera' dal mercato, puo' essere che sia un giocatore con quelle caratteristiche", ammette Allegri ai microfoni di Sky Sport.

"Il mercato e' in continua evoluzione, la societa' si sta comportando bene, uno poi puo' anche avere tanti soldi da spendere ma se poi il grande giocatore non si muove o non te lo danno...". Per quanto riguarda le uscite, su Pirlo Allegri non si sbilancia ma fa intendere che per il fuoriclasse bresciano ci sara' un altro ruolo nella prossima stagione e il regista sara' Marchisio. "Andrea deve decidere lui se continuare a certi livelli o andare a fare un'altra esperienza, lo comunichera' lui alla societa' dopo 4 anni veramente straordinari. Alla fine tutti hanno giocato molte partite e sono state decisive le cosiddette 'riserve', siamo riusciti ad arrivare in fondo bene anche per questo. Futuro di Marchisio alla Pirlo? Ha giocato in quel ruolo perche' Andrea e' stato fuori tanti giorni e ha giocato molto bene, puo' fare anche la mezz'ala ma il suo ruolo futuro e' davanti alla difesa". Il tecnico bianconero conta invece su Pogba. "La societa' non ha necessita' di vendere, dipende anche dalla volonta' del giocatore ma ci ho parlato e resta volentieri. E' giovane e ha bisogno di stare ancora alla Juve per crescere ancora, e in un ambiente come questo e' piu' facile crescere. Ha tanti anni davanti, la Juve e' una grande squadra al livello delle altre in Europa e deve avere le motivazioni giuste per fare un'altra annata importante". In partenza Tevez, decisivo nelle ultime due stagioni, dall'Atletico Madrid ecco Mandzukic che pero' ha caratteristiche diverse dall'Apache.

"Non e' che dobbiamo sostituire Tevez ma prendere dei giocatori e in base a quelli valutare il modo di giocare - replica il commento - Abbiamo Morata, arriva Mandzukic, Zaza, Coman, tanti giocatori che ci portano entusiasmo e qualita' tecniche. Dopo 4 anni fatti cosi' bisogna ripartire tutti con grandissimi stimoli, io il primo ma anche i giocatori, la societa'". "Sara' un anno importante, in cui l'obiettivo principale e' il quinto scudetto di fila, sarebbe storico perche' la Juve c'e' riuscita solo negli anni Trenta - sottolinea Allegri - E poi vogliamo fare una grande Champions e c'e' anche la Coppa Italia, ci vuole quindi un gruppo giusto che la societa' sta costruendo molto bene e a fine mercato potremmo avere dieci under 23, una cosa molto importante per il futuro della Juve. Non dobbiamo essere ossessionati dai risultati, dal vincere la Champions che resta un sogno. Bisogna arrivare in primavera competitivi su tutti e tre i fronti, arrivare in fondo e cercare di vincere qualcosa, cercando di migliorare noi stessi e lavorando su noi stessi". Infine un pensiero per due suoi giocatori che stanno vivendo un momento complicato seppur per motivi diversi, Vidal e Sturaro. "Da lontano e' difficile parlare, posso solo dire che Arturo sta facendo grandi partite, lo abbiamo preparato bene per fare una grande Coppa America - dice del cileno - Sturaro? E' un ragazzo, deve capire i momenti, non e' uno sfogo cattivo, ha solo passato un momento di difficolta'".

(ITALPRESS)