17.06.2015 15:09

Bayern: Robben e un anno da dimenticare "Mi sentivo morto"

Per Arjen Robben e' stata dura, durissima. Nel momento decisivo della stagione del Bayern Monaco una serie di infortuni, tutti seri, lo hanno costretto a saltare gli ultimi mesi e grandi sfide come quelle con il Barcellona in Champions League.

L'attaccante olandese lo scorso 28 aprile, in occasione della semifinale di Coppa di Germania contro il Borussia Dortmund, era rientrato in campo dopo un lungo stop ma la sua partita e' durata meno di venti minuti a causa di una lesione muscolare al polpaccio sinistro che ha sancito la fine della sua stagione.

"Ho sentito che qualcosa si era rotta, sentivo solo il vuoto e mi sentivo come un morto in quel momento, ero completamente distrutto" ha dichiarato il 31enne esterno del Bayern in un'intervista rilasciata alla rivista "11Freunde". A Guardiola non e' mancato solo Robben, out anche Ribery e altri titolari, ma l'assenza dell'olandese e' quella che si e' sentita di piu'.

"Naturalmente e' bello sentire che tutto il mondo dice che la squadra ha sentito la tua mancanza, ma i complimenti non mi hanno reso le cose piu' semplici - ha spiegato il nazionale olandese -, avrei preferito essere in campo e perdere con i miei compagni. Non vedo l'ora che cominci la nuova stagione, anche perche' prima del mio primo infortunio con il Moenchengladbach (il 22 marzo, problemi ai muscoli addominali, ndr) tutto stava andando in maniera fantastica".

(ITALPRESS)