04.06.2015 20:37

Hamsik "Anno triste,con Benitez solo stretta di mano"

"Siamo stati vicini alla vittoria finale in diverse partite, ma alla fine e' stata una stagione triste". Marek Hamsik sfoga la sua delusione in un'intervista rilasciata alla stampa del suo paese e pubblicata anche sul suo sito internet, nella versione slovacca.

Il capitano del Napoli sa che ci si aspettava di piu' da lui e da tutta la squadra e spiega: "siamo stati eliminati nella semifinale di Europa League e in quella di Coppa Italia, abbiamo perso nella partita decisiva per centrare la qualificazione in Champions - sottolinea Hamsik riferendosi al ko interno contro la Lazio - e tutto questo fa male. Il calcio e' cosi', ma siamo consapevoli che non abbiamo fatto quello che potevamo e siamo tutti tristi per questo".

La sua stagione, dal punto di vista dei numeri e delle statistiche personali, e' stata positiva. "Ho segnato 13 gol in stagione e sono stato il miglior assist-man del campionato (10), ma voi mi conoscete e sapete che per me i risultati piu' importanti sono quelli collettivi", spiega Hamsik uno che non ha fatto polemiche durante la stagione, ma che avrebbe gradito un trattamento diverso da parte di Benitez. "Non sono soddisfatto di come sono stato impiegato, io voglio giocare sempre e non e' stato cosi' - ha dichiarato Hamsik -, ma sono un professionista e ho continuato a lavorare, tenendo la testa alta e pensando positivo".

Intanto e' andato via Benitez, lo spagnolo ha lasciato Napoli per andare al Real e Hamsik da' l'impressione di non essere particolarmente dispiaciuto. "Ci siamo stretti la mano, un saluto normale, professionale". Adesso l'impegno nelle qualificazioni europee della sua Slovacchia contro la Macedonia ("vogliamo i tre punti"), poi le vacanze e infine "a Napoli per preparare la nuova stagione, ci ritroveremo nella prima meta' del mese di luglio". Senza Benitez, ma a "Marekiaro" probabilmente va bene anche cosi'.

(ITALPRESS)