15.04.2015 14:21

Lega Pro, Macalli al Coni "No irregolarita' bilancio"

"Avete un verbale registrato e noterete da questo che ci sono stati tanti interventi a raffica che con il bilancio non hanno avuto nulla a che vedere. E' stato definito un bilancio inadeguato, ma io conosco solo due tipi di bilanci, quelli veri e falsi. Di bilanci inadeguati non ne conosco. Perche' se questo bilancio fosse falso, si va a denunciare subito alla Procura della Repubblica e io andrei immediatamente a rispondere". E' la dichiarazione spontanea del presidente della Lega Pro e vicepresidente della Figc, Mario Macalli, innanzi al Collegio di Garanzia del Coni presieduto da Franco Frattini, in merito alla doppia istanza di ricorso relativa alla mancata approvazione del bilancio 2014 di Lega Pro avvenuta nel dicembre scorso.

Un atto che secondo Macalli avrebbe un sfondo esclusivamente politico contro la sua governance: "Non e' vero che si e' discusso su come sono stati ripartiti i finanziamenti - chiarisce a margine del dibattimento -, l'unica questione mossa strumentalmente e' che su una somma di 10 milioni destinata dalla Figc per i vivai, ci dovesse essere una commissione e invece ci sono state tre persone. Ma su 69 societa', non abbiamo avuto nessuna critica, stiamo parlando di lana caprina". "La Lega funziona - tiene a precisare il vicepresidente Figc - il 16 aprile e' una data importante per il pagamento degli stipendi e abbiamo erogato 7 milioni di euro in questi giorni. Da gennaio a oggi sono stati stanziati 21 milioni e altri 8-9 ne erogheremo al 30 giugno".

Sul bilancio ancora da approvare, i club ricorrenti chiedono in seconda istanza la possibilita' di indire una nuova assemblea per eleggere anche un nuovo presidente: "La sfiducia nella governance? Ho chiesto un parere anche ad illustri giuristi, mi hanno detto che questa cosa non e' prevista da nessuna parte. Se vogliamo vedere altre cose si puo' fare, ma non vogliamo fare del gossip sportivo e pesante". Dopo circa due ore di dibattimento, i giudici si sono ritirati in camera di consiglio e il presidente Frattini ha garantito che la sentenza uscira' in giornata.

(ITALPRESS)