10.03.2015 23:00

Schalke vince a Madrid 4-3, Real fischiato e ai quarti

Lo sguardo fisso di Ancelotti a fine partita e' emblematico: ai quarti di finale di Champions League ci va lui, ma il vero vincitore di questo doppio confronto e' Roberto Di Matteo, capace con il suo Schalke di imporsi per 4-3 al Bernabeu contro i campioni d'Europa e di trasformare un match che alla vigilia sembrava senza storia in una gara vibrante e piena di ribaltoni.

Non certo per i tifosi merengues, che riservano a Casillas e compagni sonori fischi e panolada al termine del match. Fin dall'inizio preoccupato solo a gestire il vantaggio di 2-0 maturato all'andata, il Real pecca di presunzione ed evidenzia tutte le difficolta' del momento, dalla stanchezza ai guai in difesa.

Nel primo tempo e' una girandola di emozioni, quattro gol e spettacolo da una parte e dall'altra. Grazie ad uno Schalke che capisce da subito la possibilita' di creare grattacapi ad un Real in gran crisi. Da una parte i blu di Di Matteo macinano gioco passando spesso dalle parti di Meyer, dall'altra e' solo Cristiano Ronaldo a trascinarsi dietro tutta la squadra e rispondere, colpo su colpo, ai graffi dei tedeschi. Il primo arriva al 20': gran cross di Barnetta sulla destra, la palla attraversa tutta l'area fino ad approdare sui piedi di Fuchs che tutto solo brucia Casillas. Passano solo 4' e Ronaldo pesca il primo jolly di testa per il pareggio. Nella parte centrale dei primi 45' il Real prova a cercare lo strappo con i primi squilli di Bale ma e' ancora lo Schalke a passare al 40'. A metterci la firma e' Huntelaar, che poco dopo aver colpito la traversa sugli sviluppi deve solo spingere in rete una respinta di Casillas su tiro di Meyer.

Dall'altra parte ci prova Khedira ma al 46' segna ancora Ronaldo e ancora di testa (per CR7 primo posto nella classifica delle reti realizzate nelle competizioni Uefa), approfittando di un'uscita avventata di Wellenreuther. Nella ripresa, passano 7' e Benzema fa la prima cosa giusta della partita dribblando tutta la difesa e calciando a rete per il vantaggio delle merengues. Sarebbe la parola fine alle velleita' dello Schalke ma al 12' Sane' (entrato alla mezzora del primo tempo per Chuopo Moting) si inventa un gol meraviglioso (il suo primo in Champions) che vale il terzo pareggio del match. Al quarto d'ora e' il momento di Modric, che congela la partita fino alla doppietta di Huntelaar, lesto ad approfittare di un altro svarione difensivo per il clamoroso 3-4. Fino al termine e' un assedio dei tedeschi, che sfiorano il colpaccio con Sane' e Howedes. Niente da fare, ma che spettacolo.

(ITALPRESS)