25.02.2015 16:27

Grecia: troppa violenza, governo sospende il campionato

Il governo greco ha deciso di sospendere il campionato di calcio greco a causa dell'escalation di violenza che ha avuto il culmine nel derby di Atene tra Panathinaikos ed Olympiakos.

Sospensione immediata del campionato di calcio, questa la decisione del governo greco di Alexis Tsipras dopo l'escalation di violenza che ha investito il calcio greco. La decisione arriva pochi giorni dopo gli incresciosi eventi di violenza avvenuti nel derby di Atene tra Panathinaikos e Olympiakos.

>> Clicca qui per vedere gli scontri di Panathinaikos - Olympiakos <<

Secondo il governo Tsipras quindi non sussistono le condizioni di sicurezza minime per continuare con il campionato che è quindi sospeso a tempo indeterminato, come riferito dal ministro dello sport Stavros Kontonis. La decisione è arrivata dopo un incontro tra lo stesso Kontonis e il primo ministo Alexis Tsipras.

La Super League greca ha rilasciato una nota in cui ha spiegato il suo punto di vista: "Lo scopo dello Stato è quello di trovare soluzioni alle patologie che da decenni hanno creato un paesaggio soffocante e non spostare i problemi temporali. In questo contesto, c’è stata una discussione con il vice ministro dello Sport Kontoni per studiare il modo in cui possiamo migliorare il funzionamento dell’attuale campionato, ma anche porre le condizioni per l’inizio del nuovo campionato. La sospensione a tempo indeterminato del Campionato di Super League non è una soluzione ai problemi del calcio greco".

>> Clicca qui per consultare classifica e risultati di Super League <<

Il presidente della Super League, Borovilos ha poi aggiunto maggiori dettagli sui tempi della sospensione: "l governo vuole che le partire riprendano il prima possibile, ma per questo vuole vedere un’immediata reazione da parte di tutti noi". Questa è la terza sospensione del campionato in Grecia, a settembre le gare si fermarono per una settimana dopo la morte di un tifoso in un incontro di terza divisione, a novembre ci fu un'altra sospensione dopo l'aggressione al vicedirettore della Commissione Arbitrale Christoforos Zografos.

La sospensione decisa dal governo greco è però differente da tutte le altre perchè è a tempo indeterminato, sembra infatti che il nuovo governo abbia intenzione di studiare un piano legislativo adeguato per evitare che in futuro il fantasma della violenza possa tornare a macchiare il calcio greco.

di @Nicola Mirone

ne[project:vgzm;] {endif}