08.02.2015 17:21

Napoli: 3-1 all'Udinese e quarta vittoria consecutiva

Il Napoli di Benitez non si ferma piu': dopo l'approdo in semifinale di Coppa Italia ai danni dell'Inter arriva contro l'Udinese (3-1) la quinta vittoria in sei partite nel 2015, la quarta consecutiva. Il secondo posto della Roma, vittoriosa a Cagliari, resta a quattro punti. Il tecnico spagnolo non risparmia Higuain, ai suoi fianchi Mertens e Gabbiadini, Callejon in panchina.

Stramaccioni senza lo squalificato Di Natale, c'e' Bruno Fernandes con Thereau. L'inizio dei padroni di casa e' sontuoso, gli attaccanti azzurri tagliano il campo a gran velocita' e sfruttano le sovrapposizioni sulle fasce. L'Udinese e' frastornata e cosi' al 21' e' gia' 2-0 con Mertens, che vince un rimpallo e supera Karnezis in diagonale, e Gabbiadini, che sfrutta una discesa del belga e la rifinitura col contagiri di Hamsik. L'ex blucerchiato fa 9 in campionato.

L'Udinese pero' non demorde e capitalizza al meglio i lampi di classe del suo uomo piu' in forma, Allan. Il brasiliano prima sfiora il sigillo personale con un gran destro a giro che Rafael devia con la punta delle dita sulla traversa, poi tira fuori dal cilindro un lancio al bacio per Thereau, che si infila fra Britos e Albiol e supera con un pallonetto Rafael autore di un'uscita quantomeno avventata. Ottava rete in campionato per il francese, il capitano Di Natale e' a una sola lunghezza. Al 40' altra occasione per i bianconeri: cross di Pasquale, Widmer arriva come un treno ma il suo destro e' alto. Gli ospiti, rinfrancati dal 2-1, continuano a spingere e collezionano angoli in serie.

Dopo i ritmi frenetici e l'intensita' di gioco del primo tempo, l'inizio di ripresa e' un po' appannato con diversi errori in fase di appoggio da una parte e dall'altra. Il Napoli di adesso, pero', ha il vento in poppa e al quarto d'ora allunga ancora: punizione di Mertens, Thereau, Piris e Danilo non si capiscono e vanno tutti a respingere il pallone senza che un solo avversario li contrasti, l'ultima deviazione e' dell'attaccante per la piu' goffa delle autoreti. Benitez cambia le frecce esterne inserendo De Guzman e Callejon per mantenere alta la pressione. Non ce ne sarebbe bisogno: l'autogol di Thereau taglia le gambe agli ospiti e la reazione tarda ad arrivare. Soltanto al 28' Rafael e' costretto alla parata su punizione velenosa di Bruno Fernandes.

La partita lentamente si spegne, il Napoli amministra il doppio vantaggio e sfiora il poker con De Guzman che impegna Karnezis dalla distanza e poi spreca col piattone l'assist perfetto di Higuain. I padroni di casa consolidano il terzo posto a 42 punti, Udinese a 28. Il duello a distanza con la Roma continua.

(ITALPRESS).