05.02.2015 14:58

Rispoli "Palermo salvo e poi giusto sognare"

"Questa squadra deve pensare alla salvezza, una volta raggiunta si possono fare anche altri pensieri. Oggi pensiamo solo a salvarci, poi e' giusto anche sognare". Andrea Rispoli si presenta cosi' ai suoi nuovi tifosi. Il 26enne nuovo esterno del Palermo e' reduce dall'esperienza al Parma ma i colori rosanero sembravano nel suo destino.

"C'era la possibilita' di venire gia' la scorsa estate - rivela - poi e' sfumata ma per fortuna ora sono qui e non vedo l'ora di mettermi a disposizione del gruppo e dimostrare quello che valgo". Rispoli e' un pupillo di Iachini: i due hanno gia' avuto modo in passato di lavorare e vincere insieme. "Ho avuto la fortuna di essere allenato da lui a Brescia e ho vinto il campionato, ci siamo ritrovati alla Samp, vincendo un altro torneo. Sapevo che godevo della stima dell'allenatore e quando mi ha chiamato il Palermo ho preferito venire qui perche' so come lavorano e so che gruppo c'e'".

"Per quello che aveva gia' fatto l'anno scorso e' una squadra solida - le prime impressioni di Rispoli - con un gruppo di giocatori che segue l'allenatore. So che nel giorno libero in 15 sono venuti ad allenarsi e questo la dice lunga sulla serieta'. Se hanno raggiunto grandi risultati e' anche grazie alla serieta', alla professionalita' e allo spirito di gruppo". Il Palermo ha nel "Barbera" la sua fortezza e Rispoli non fatica a capire perche'. "Venire qui per tutte le squadre non e' semplice, ci sono tifosi importanti che mettono timore agli avversari - conclude - Il mio obiettivo e' mettermi a disposizione e dare il mio contributo quando verro' chiamato in causa".

(ITALPRESS)