24.11.2014 13:24

Roma a Mosca per sognare, Italia spera in E. League

Adesso non si puo' piu' sbagliare. Dopo tre settimane, ecco di nuovo Champions ed Europa League con la penultima giornata della fase a gironi. Un turno che puo' dire molto delle sorti di Roma e Juventus.

I giallorossi sono di scena domani a Mosca, contro il Cska asfaltato 5-1 all'Olimpico. Ma la squadra di Slutski e' cresciuta e grazie ai 4 punti conquistati col Manchester City e' tornata in piena corsa per la qualificazione: battendo la Roma e rimediando un punto col Bayern nell'ultimo turno si garantirebbe un posto negli ottavi. Questo lascia intendere che, seppur senza Natcho e con Wernbloom in dubbio e in uno stadio a porte chiuse, il Cska vendera' cara la pelle. Ma la Roma ha una grande chance perche', se il Manchester City non batte il Bayern, con i tre punti archivierebbe la pratica qualificazione con un turno d'anticipo.

Piu' complicata la situazione della Juventus, che in Svezia non puo' non vincere. Confidando nel successo dell'Atletico Madrid - che cosi' si qualificherebbe - sull'Olympiacos al "Calderon", i bianconeri ipotecherebbero gli ottavi con un successo in casa del Malmoe. A quel punto, infatti, anche un pari con i colchoneros il 9 dicembre basterebbe per passare il turno. La due giorni di Champions potrebbe comunque vedere altre squadre raggiungere Real Madrid, Bayern, Borussia Dortmund, Psg, Barcellona e Porto, tutte gia' certe di un posto negli ottavi. Quasi fatta per il Bayer Leverkusen, a cui basta un punto in casa contro il Monaco anche se una vittoria gli garantirebbe anche il primo posto mentre fra Zenit e Benfica va in scena una sorta di spareggio per sperare ancora.

Anche all'Arsenal basta un pari per centrare la qualificazione agli ottavi per il 15esimo anno di fila mentre il Chelsea di Mourinho ha bisogno di una vittoria o di un pari con almeno due gol in casa dello Schalke dell'ex Di Matteo, che appena due anni e mezzo fa regalo' ai Blues la tanto attesa Champions. Ottavi a un passo per lo Shakthar Donetsk, appese a un filo le speranze del Liverpool, che deve fare il proprio dovere in Bulgaria e sperare che il Real faccia altrettanto sul campo del Basilea.

Giovedi' in Europa League Torino, Inter e Napoli hanno la chance per unirsi alla Fiorentina, gia' ai sedicesimi e a caccia del primo posto nel girone che puo' garantirsi con una vittoria o un pari in casa del Guingamp. Traguardo molto vicino per i nerazzurri, con Roberto Mancini che fara' il suo debutto anche in Europa nella sfida di San Siro col Dnipro: basta un punto per chiudere il discorso ma con tre verrebbe blindato anche il primato nel gruppo. Sedicesimi vicini anche per il Napoli, in trasferta a Praga: come nel caso dell'Inter, la vittoria assicurerebbe anche il primo posto ma il pari basta e avanza per passare.

Nella peggiore delle ipotesi, anche una sconfitta potrebbe risultare dolce se lo Slovan battesse contemporaneamente lo Young Boys. Per quanto riguarda invece il Torino, voglioso di riscattare la sconfitta interna di ieri col Sassuolo, battere il Bruges all'Olimpico servira' a patto che l'Helsinki riesca a frenare il Copenhagen. Negli altri gironi, obiettivo vicino per Moenchengladbach e Villarreal, quasi fatta per Tottenham e Besiktas, il Celtic puo' unirsi al Salisburgo, sedicesimi a un passo pure per Psv, Wolfsburg, Everton e Dinamo Kiev.

(ITALPRESS).