13.11.2014 11:50

Per Olanda e Grecia vietato fallire, Germania pronta rialzarsi

Prova d'appello per Olanda, Grecia e Bosnia, Germania e Serbia a caccia del riscatto mentre Inghilterra e Spagna cercano conferme.

Da domani si torna in campo con la quarta giornata delle qualificazioni a Euro2016. Si comincia coi gruppi D, F e I. La Germania, dopo la sconfitta in Polonia, puo' riprendere la marcia contro la modesta Gibilterra (0 gol fatti e 17 subiti), un impegno che potrebbe consentire ai tedeschi di riavvicinarsi alla testa visto che Lewandowski e soci sono in Georgia mentre l'Irlanda e' attesa dal 'derby' con la Scozia al Celtic Park di Glasgow. Giornata chiave per il gruppo F con l'Irlanda del Nord (3 vittorie su 3) che va a Bucarest per sfidare la Romania seconda in classifica.

Una partita che puo' tornare utile alla Grecia di Ranieri: gli ellenici devono rinunciare a diversi elementi (Salpingidis, Papastathopoulos, Holebas) ma contro le Far Oer non possono fallire dopo aver raccolto appena un punto nelle prime tre uscite. Con l'Albania a riposo (per la nazionale di De Biasi amichevole con la Francia prima di quella con gli azzurri), il girone I potrebbe subire scossoni in vetta: la Danimarca gioca a Belgrado a porte chiuse, con la Serbia che pero' vuole rialzarsi dopo quanto accaduto il mese scorso. Un incontro equilibrato del quale potrebbe approfittare il Portogallo, che ad Algarve se la vedra' con l'Armenia. Sabato in campo i gironi C, E e G.

La Slovacchia, fin qui perfetta, vola a Skopje per rimanere in testa e non fare avvicinare Ucraina, di scena in Lussemburgo, e Spagna, che a Huelva si presenta con la Bielorussia con diverse novita', su tutte Nolito, Callejon e Morata, ma senza gli infortunati Iniesta e David Silva oltre a Diego Costa, risparmiato da Del Bosque. L'Inghilterra sta dominando il girone E e a Wembley ha l'occasione di proseguire a punteggio pieno contro la Slovenia. Protagonista annunciato Rooney, che collezionera' la presenza numero 100 con la maglia dei Tre Leoni. Chance d'oro per la Svizzera di riportarsi a ridosso del secondo posto quando a San Gallo se la vedra' con la Lituania mentre chiude il programma il confronto fra San Marino ed Estonia. Turno interessante quello del gruppo G, con la capolista Austria priva della stella Alaba che attende a Vienna la Russia di Capello. Le due squadre sono separate da due punti in classifica, il tecnico di Pieris sogna il colpaccio per il sorpasso e andare in testa assieme alla Svezia, che ritrova Ibrahimovic per la trasferta in Montenegro. Domenica sara' il turno dei gironi A, B e H.

Occhi puntati su Amsterdam dove l'Olanda e' gia' a un bivio: con due sconfitte nelle prime tre gare, gli Orange non possono permettersi altri passi falsi e contro la Lettonia serve la vittoria. Guus Hiddink ha messo in ballo il suo posto: se non vince, e' pronto a dimettersi. L'Olanda guardera' con interesse anche al confronto di Plzen dove si affrontano Repubblica Ceca e Islanda, fin qui a punteggio pieno, mentre la Turchia prova a rimettersi in gioco a spese del Kazakhstan. Nel gruppo B il Galles capolista e' ospite del Belgio, che vincendo aggancerebbe Bale e compagni, ma potrebbe approfittarne Israele per portarsi al comando, affrontando in casa una Bosnia fin qui al di sotto delle aspettative. Sempre domenica va in campo il girone H. Oltre al match-clou Italia-Croazia, la Norvegia insegue in Azerbaijan il terzo successo per rimanere a ridosso della seconda piazza ma vuole rimanere in lotta anche la Bulgaria, che riceve Malta.

(ITALPRESS).